Association Nationale de Défense des Victimes de l'Amiante

Vous êtes ici : Accueil » International » Europe (hors ex-URSS) » France » Journée internationale des victimes de l’amiante (Paris, 12 octobre 2012)

Giornata Internazionale delle Vittime dell’Amianto (Parigi, 12 ottobre 2012)

16 juin 2012

Journée Internationale des victimes de l’amiante (Paris, 12 octobre 2012)

International Day for Asbestos Victims (Paris, 12th October 2012)

Dia internacional de las víctimas del asbesto (Paris, 12 Octubre 2012)

Gli atti del simposio sono pubblicati ;

Per leggere o teletrasmettere gli atti (in francese)

Per leggere o teletrasmettere gli atti (in inglese)

PROGRAMMA della GIORNATA

LINK verso le diapositive delle esposizioni della mattina

LINK verso le diapositive delle esposizioni del pomeriggio

Vedere le FOTO, emissione di radio, servizi sulla giornata internazionale

(Le diapositive delle esposizioni della conferenzia sono adesso online)


Giornata Internazionale delle Vittime dell’Amianto

12 ottobre 2012

Palazio del Luxembourg, Paris, Francia

Comité d’organisation de la Journée internationale des victimes de l’amiante

(Comitato d’organizzacione della giornata internazionale delle vittime dell’amianto)

Comité Scientifique de la Journée internationale des victimes de l’amiante

(Comitato scientifico della giornata internazionale della vittime dell’amianto)

1. Programma della giornata

Il convegno organizzato dall’Andeva, intitolato « Giornata Internazionale delle Vittime dell’Amianto » si terrà a Parigi, palais du Luxembourg, il venerdì 12 ottobre 2012. Questo simposio riunirà circa 250 partecipanti - scientifici, decisionisti, medici, attori di campo, militanti associativi, vittime dell’amianto e loro familiari in provenienza di una ventina di paesi. Saranno messe a disposizione nella sala del convegno traduzioni simultanee, francese / inglese / italiano / spagnolo, rese necessarie dalla presenza di partecipanti e oratori internazionali.

L’organizzazione prevista è la seguente :

- una mezza giornata « contesto scientifico » (epidemiologia e ricerca medica) ;
- una mezzo giornata « contesto mondiale » (utilizzazione dell’amianto, legislazione, situazione delle vittime).

La prima mezza giornata fornirà dei riferimenti sull’epidemiologia dei cancri dovuti all’amianto e sui progressi - modesti ma reali - concernente le terapie.

La seconda mezza giornata dettaglierà la situazione e le specificità delle regioni del globo, a proposito dell’amianto, la presa in considerazione dei pericoli e la situazione delle vittime, attraverso gli interventi di medici, ispettori del lavoro, attori di campo, militanti associativi e vittime di diversi paesi (Europa, Canada, Brasile, India, Giappone, Corea, Africa, eccetera).

2. Il contesto

I pericoli legati all’amianto sono noti da tempo, in Francia il rapporto del’ispettore del lavoro Auribault (1906), come la prima allerta. Il carattere cancerogeno dell’amianto è solidamente accertato da più di cinquant’ anni (studi di Doll negli anni 50 e Wagner nel’1960), nel corso dei quali è stata accumulata una quantità impressionante di dati epidemiologici. Cio’ nonostante, la messa in atto di un’azione preventiva a partire dalla conoscenza scientifica è stata troppo lenta e le diverse regioni del globo si trovano oggi in una situazione de palese disuguaglianza. In tutti i paesi che utilizzano o hanno utilizzato l’amianto si registra un’alta incidenza di cancri ; la situazione relativa alla prevenzione di questi cancri di amianto e l’indennizzo vittime è tuttavia molto contrastata.

L’amianto è vietato in tutti i paesi della comunità europea ed in una trentina di altri paesi, ma parecchi paesi restano dei grosso produttori (Russia, Cina, Brasile, Kazakistan, Canada) di amianto (Cina, India, Russia, Brasile, Indonesia, eccetera). L’industria mineraria e di trasformazione dell’amianto continuo in alcuni paesi a diffondere la disinformazione sui pericoli, talvolta con il sostegno del loro governo (vedere l’esempio del Canada) talvolta.

La maggior parte delle vittime dell’amianto sono state esposte e contaminate nell’ambito del loro lavoro. Poichè i mestieri a rischio sono prevalentemente svolti da uomini, la maggior parte delle vittime sono di sesso maschile ; si constata tuttavia anche un gran numero di vittime contaminate o da un’esposizione domestica o ambientale. L’indennizzo delle vittime dà anche adito a situazioni molto contrastate. La Francia può essere data in esempio con la creazione del FIVA, l’indennizzo negli Stati Uniti è essenzialmente il risultato dei molteplici procedure giudiziarie. In un numero di paesi fin troppo elevato i cancri dovuti all’amianto sono ignorati dalle autorità.

3. Contenuto ed obiettivi

La scelta degli oratori permetterà di fare il punto sulle conoscenze scientifiche riguardanti l’amianto e di fare una sintesi della situazione in diversi paesi a proposito dell’utilizzo dell’amianto, della prevenzione delle malattie, dell’indennizzo delle vittime e delle azioni intraprese e da intraprendere. L’organizzazione di questa manifestazione risponde ad un doppio obiettivo : aumentare la diffusione delle conoscenze scientifiche e sviluppare un movimento internazionale di salute pubblica. Questa Giornata Internazionale si inserisce nel seguito di numerose riunioni internazionali, l’ultima delle quali si è tenuta in Italia a Casale Monferrato nell’Aprile 2011 ed alcuni grandi temi sono già stati individuati : :

- la chiamata ad una proibizione mondiale dell’amianto ;
- l’emergenza di fermare il doppio standard tra i paesi industrializzati ed i paesi in via di sviluppo – i primi che esportano la diffusione di cancri dell’amianto verso i secondo ;
- la necessità di una migliore presa in conto dei rischi dovuti all’amianto ancora attualmente in uso, particolarmente nei mestieri dell’edilizia e della manutenzione ;
- l’augurio di rendere prioritaria la ricerca scientifica e medica sulle malattie causate dall’amianto ;
- l’augurio di vedere diffondersi i principi di un indennizzo « veloce ed giusto » delle vittime, traendo le lezioni dall’esempio dei fondi di indennizzo francese ;

La « Giornata Internazionale delle vittime dell’amianto » a Parigi sarà l’opportunità di sviluppare la riflessione su questi temi ; la pubblicazione degli « atti » del convegno contribuirà ad una migliore conoscenza dei rischi e dei danni dovuti all’amianto e allo sviluppo di migliori politiche di salute pubblica per lottare contro questa piaga a livello regionale, nazionale, europeo e mondiale.

Questa manifestazione scientifica ha ricevuto il sostegno dei seguenti organismi

- Lega Nazionale contro il granchio
- Istituto Nazionale della Salute e della Ricerca Medica
- Direzione Generale del Lavoro al Ministero del Lavoro
- Consiglio Regionale dell’Île-de-France (regione intorno a Parigi)
- Mutualité Française (FNMF)

essai_avec_logo